La farmacia internazionale a Napoli (NA)
Rarità d’epoca, glicine e bouganville la storia si ferma
nella Farmacia Internazionale in via Calabritto

Quando nel 1985 la storica Farmacia Internazionale di via Calabritto passò nelle mani della dottoressa Fernanda Parisi Petrone,a beneficiarne,oltre ai numerosi clienti che trovarono in lei un’attenta ed abile professionista,fu soprattutto la storia di un locale che da sempre si era legato alle evoluzioni della città.

farmacia Petrone 01 Rarit

Situata proprio di fronte al palazzo della famiglia Tuttavilla duchi di Calabritto, la Farmacia Internazionale ha accolto la prima sede napoletana e laboratorio dell’ Industria Farmaceutica Menarini lì fondata nel 1886 e da sempre con i suoi preziosi interni in stile gotico tedesco,ha rappresentato il marchio di una città progressista e culturalmente avanzata,pullulante di grandi personaggi.

 Raritfarmacia Petrone 02 Rarit


Ed è appunto partendo dalle premesse di una Farmacia che sicuramente si identifica con la storia di una Napoli orgogliosa del grande e reale passato che il primo pensiero della Dottoressa Parisi Petrone,nel momento in cui ha preso in mano le redini dello stupendo locale,è stato quello riguardante la salvaguardia e la difesa che ciò che l’antico luogo ancora conservava. Rivolgendosi allo studio di architettura Sartoretto Verna specializzato nella progettazione e nel restauro delle Farmacie di tutto il mondo,il primario obiettivo della lungimirante farmacista è stato quello di riportare all’antico splendore tutto quanto fosse recuperabile tra arredi gotici,banchi e vetrerie,cercando a tutti i costi di coniugare l’antico con quello che restava del banco originale,ridato vita alla preziosa fontana del Mercurio alato posta al centro del locale,protetto l’antico orologio che sovrasta la parete centrale tra archi di noce e legno intarsiato e rivalutato tutto l’interno realizzato con radica ed oro zecchino, Fernanda Parisi Petrone ha fatto in modo che,anche per quanto concerne l’ingresso si conservasse,pur ricorrendo ad una moderna soluzione l’emozione dell’antico e originario arco gotico.

farmacia Petrone 03 Rarit

Evitando di esporre manifesti e locandine inneggianti a moderni pokies slots prodotti,quasi per fermare il tempo in un luogo così intriso di nobile antichità,l’appassionata farmacista,una volta riavviata l’attività nel solco del centenario passato ha poi ulteriormente arricchito gli interni del prezioso sito con delle serigrafie raffiguranti una serie di piante officinali e donato al tutto un’immagine quasi da fiaba con l’allestimento di un piccolo giardino pensile ricco di glicine e bouganville intravedibile dalla luminosa vetrata creata sul fondo della farmacia. Una storia davvero emozionante,dunque quella dell’Antica Farmacia Internazionale di via Calabritto che,alla luce del suo glorioso e documentato passato,oggi,grazie anche alle amorevoli cure della dottoressa Parisi Petrone,rientra a pieno merito tra i destinatari del disegno di legge presentato dal Senatore Luigi d’Ambrosio Lettieri,nato con la finalità di preservare il valore delle farmacie storiche e di interesse artistico,prevedendone l’inserimento nell’elenco dei Beni Culturali meritevoli di tutela.

farmacia Petrone 04 Rarit

Saranno le Regioni,sulla base di specifici criteri e modalità individuati con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali,a provvedere,con la collaborazione dei Comuni e con il supporto in funzione consultiva,della Federazione e dell’Accademia italiana di storia della farmacia a effettuare un censimento delle farmacie,storiche e di interesse artistico che,proprio come nel caso della Farmacia Internazionale di via Calabritto,abbiano precisi requisiti tra cui:la collocazione all’interno di un edificio storico classificato;la presenza di un architettura d’autore o di elementi architettonici di pregio;la presenza di una attestata tradizione familiare ed il riconoscimento dello specifico valore storico,artistico e ambientale delle farmacie da parte dell’Accademia italiana di storia della Farmacia e di altre associazioni a tutela e di promozione delle botteghe e dei locali storici. Attendendo,quindi,di ritrovare meritatamente anche la Farmacia Internazionale nella lista dei Beni Culturali bisogna,infine,elogiare nuovamente l’impegno profuso dall’attenta Parisi Petrone,che,proprio per non lasciare nulla al caso,ha persino fatto coniare una personale Croce dell’Ordine dei Farmacisti che riprende in maniera stilizzata quello stesso Mercurio alato secolare simbolo della sua straordinaria e fascinosa farmacia.

Articoli correlati:

Comments are closed.

Contattaci adesso e scopri il Work in future!

Compila il form online o chiama le nostre sedi di Roma e Torino