Ti sei perso la diretta? La trovi qui

TI SEI PERSO LA DIRETTA? LA TROVI QUI

Chiara Sertorelli, Ginevra Giannantonio, Camilla d’Antonio, Luca Sartoretto Verna e Stefano Briganti

Diventare BRAND AMBASSADOR della Farmacia

Questo è soltanto uno dei temi affrontati al Pharmexpo’ di Napoli 2022 nell’ultimo EVENTO CAPSULAil laboratorio creativo dei farmacisti interamente dedicato a “La Farmacia instagrammabile ed al farmacista Farmagrammer”.

L’Arch. Luca Sartoretto Verna – AD Sartoretto Verna ha introdotto la serata, riportando i dati di Global WebIndex, che fotografano i social media nel Mondo, dimostrando la loro continua crescita.

In sintesi a Luglio 2022:

  • Più della metà del Mondo utilizza i social media (59%);
  • 4,70 miliardi di persone nel mondo utilizzano i social media;
  • 227 milioni di nuovi utenti sono entrati online negli ultimi 12 mesi;
  • Il tempo medio giornaliero trascorso utilizzando i social media è di 2h 29m;
  • Facebook è la piattaforma più utilizzata in totale.

social media coinvolgono conversazioni tra amici, famiglie e colleghi e per questo motivo le farmacie dovrebbero essere più sensibili al modo in cui li utilizzano.

Una farmacia instagrammabile oltre a presentare in modo efficace i suoi prodotti e servizi, è progettata come “set ideale” per scattare foto e video da condividere sui social. Una farmacia instagrammabile è pensata per essere fotografata in tutti i suoi ambienti, nel suo arredamento e nei suoi messaggi di comunicazione.

Se gli ambienti sono bui, disordinati, saturi di prodotti e cartonati e l’arredamento ingombrante, spento e superato, a nessuno verrà mai in mente di condividere una foto scattata all’interno della tua farmacia! In questo caso ci vuole un vero e proprio restyling, un intervento pensato per alzare il valore percepito del prodotto e migliorare l’esperienza d’acquisto del tuo cliente.

I vantaggi di avere una farmacia instagrammabile sono principalmente sono quattro:

  1. Notorietà: diffondere il nome della farmacia sui social-network;
  2. Autorevolezza: rafforzare l’autorevolezza della farmacia e dei collaboratori addetti, favorendo un passaparola positivo con le condivisioni, l’interazione ed i commenti dei clienti;
  3. Marketing: attrarre nuovi clienti in farmacia, grazie a foto e video diffusi su internet;
  4. Vendite: aumentare l’afflusso di clienti, con conseguente incremento delle vendite.

Ma un altro vantaggio è la fidelizzazione del cliente: creare una comunità o un gruppo collegato alla farmacia, favorisce il senso di appartenenza alla collettività.

Selfie wall, selfie collettivo, selfie a pavimento, selfie attraverso gli specchi, selfie spontaneo, decorativo, storytelling, eventi, influencer e farmagrammer sono solo alcune delle possibili strategie phygital da personalizzare nei locali farmacia, per diffondere il proprio messaggio ed acquisire clienti e vendite.

A seguire la D.ssa Ginevra Giannantonio – Titolare di Farmacia a Latina, Presidente AGIFAR Latina e Founder Pharmilia che ha descritto quali devono essere le capacità comunicative e professionali per il successo dei Farmagrammer, la nuova generazione di farmacisti che utilizza i social per comunicare la propria professionalità. La categoria deve aprirsi a nuove forme di comunicazione in farmacia ma sempre restando professionale.

Grazie a questi potenti mezzi si può aumentare il proprio raggio d’azione “influenzando” il proprio pubblico sulle buone abitudini volte al raggiungimento di un equilibrio psico-fisico.

Chiara Sertorelli ha raccontato il suo ruolo di social media manager e strategist per le farmacie. Una carriera iniziata come farmacista collaboratrice poi evoluta in farmacista digitale: influencer, consulente digitale, social media manager.

La professione evolve o si stravolge attraverso l’uso dei social? è la domanda posta da Chiara alla platea a cui ha raccontato il suo percorso e le sue esperienze di vita e professionali.

Il Dr Stefano Briganti è un Farmacista titolare alla quarta generazione, Farmagrammer di successo con oltre 30 mila follower su Instagram.

“La professione si evolve ed oggi posso consigliare ai pazienti anche sui social. Lavorare con i social richiede un impegno costante. Io mi faccio seguire da un’agenzia per coadiuvare la strategia di comunicazione definita ad ogni inizio stagione.

Inizialmente su Istagram lavoravamo con i post, immagini fisse con un messaggio specifico ma oggi siamo passati ad Reels e Stories. Il mercato cambia, la piattaforma cambia e bisogna avere la capacità di adattarsi alle costanti evoluzioni con passione e dedizione. I risultati non mancano a livello di ritorno dell’investimento per il professionista come per la Farmacia”

Ha concluso la serata Camilla D’Antonio, co-founder di Miamo e direttrice scientifica di Medspa raccontando la sua esperienza di farmacista, imprenditrice e mamma.

L’utilizzo dei social media può davvero cambiare il modo di relazionarci con i nostri pazienti, i nostri clienti, la nostra famiglia.

“In Miamo abbiamo collaborazioni attive con Influencer che hanno davvero la capacità di orientare le scelte e la preferenze di migliaia di persone. L’obiettivo degli Influencer è coltivare la propria comunità, quello delle aziende e conquistare nuovi clienti. La richiesta degli influencer è di offrire sconti o omaggi alla propria comunità per “coccolarla”.

Il mercato cambia ed oggi l’Influencer generalista, che non ha specifiche competenze, ha perso di credibilità per cui “influenza” ⅕ rispetto al passato. Sono i biologi, i chimici, gli scienziati in generale che una volta raggiunta la popolarità la mantengono nel tempo, ma ce ne sono pochi! La domanda, anche da parte dell’industria che si è resa conto della potenzialità del mezzo, è nettamente superiore all’offerta. La Miamo Academy 22/23 si è data come obiettivo per questa stagione proprio di formare 180 farmacisti influencer.

TANTI ARGOMENTI DI GRANDE ATTUALITA’, GUARDA LA REGISTRAZIONE DELLA DIRETTA

La trovi qui => https://lnkd.in/dKGdQnFw