Vendere in farmacia nel mondo post-pandemia necessita l’applicazione di urgenti correttivi

Vendere in farmacia nel mondo post-pandemia necessita l’applicazione di urgenti correttivi

L’uovo della Sartoretto Verna, nuovo concept 2022

Da quando è scoppiata la pandemia, in Sartoretto Verna abbiamo cercato di analizzare come sono cambiate le abitudini d’acquisto dei clienti in farmacia.

Se la tua farmacia è ancora impostata per intrappolare i clienti all’ingresso per poi condurli lungo un estenuante percorso di espositori e ceste per le offerte fino al bancone, continua a leggere..

Nell’ultimo anno e mezzo, la maggioranza delle persone ha frequentato le farmacie per effettuare un tampone, un vaccino o stampare un Green pass..

I titolari che non hanno aderito oggi si mangiano le mani per aver regalato clienti alla concorrenza e perso fatturato. Persone di tutte le età, tra cui giovani adolescenti oppure famiglie con bambini, hanno scoperto una nuova offerta farmacia ed apprezzato nuovi servizi e consulenze.

Si recano in farmacia MA spesso preferiscono attendere il loro turno fuori dalla porta. Il covid ha determinato una drastica riduzione degli acquisti d’impulso.

I clienti hanno scoperto l’e-commerce e, grazie alla diffusione dell’acquisto “a domicilio”, si sono ormai abituati a non schiodarsi dal divano di casa. 

Vendere in Farmacia nel mondo post-pandemia necessita l’applicazione di urgenti correttivi rispetto a come si è venduto fino a ieri perché basta un attimo per finire fuori dal mercato.

Aziende come Ikea o Autogrill lo hanno capito prima di molte altre, decidendo di tenere testa all’e-commerce e rinnovando il modello con cui storicamente hanno costruito i propri negozi.

Entrambe sono un labirinto con poche possibilità per i clienti di evadere in anticipo perché più oggetti riescono a metterti sotto il naso, più è probabile tu esca dal negozio con più di qualcosa sottobraccio.

Ma in un mondo in cui la gente si è abituata ad avere tutto “a portata di clic” e consegnato direttamente davanti al portone di casa, chiaramente questo modello di vendita fisica è destinato ad avere vita breve.

Ecco perché nelle nuove aperture stanno testando nuovi sistemi per fare in modo che i negozi fisici restino rilevanti.

Ikea insegna ai clienti a riparare o costruire nuovi oggetti e punta sulla realtà aumentata per far vivere alle persone un’esperienza immersiva durante lo shopping.

Ikea, nuove esperienze in negozio

Autogrill ha rivoluzionato design, spazi e ambiente. Fontane d’acqua, tavoli immersi in ambientazioni zen e materiali naturali sono solo alcune delle innovazioni introdotte con l’obiettivo di aumentare la permanenza dei clienti all’interno dei ristoranti e la qualità degli acquisti.

I bisogni dei viaggiatori sono in costante mutamento, rispetto a qualche decennio fa, e chi si sposta per lavoro vuole poter per esempio stampare e ricaricare pc e smartphone o ritirare acquisti fatti anzitempo online, sulla app dedicata, proprio come avviene nel normale tessuto urbano.

E tra le novità offerte da Smart c’è un punto di ritiro self-service per recuperare gli acquisti effettuati sulla piattaforma online di servizi digitali, grazie ad Amazon Locker; e non manca anche un’area business lounge perfetta per lavorare, ricaricare dispositivi e stampare materiali digitali.

Nuovo format Autogrill

Per entrambe le aziende, in sostanza, si sono studiate alternative per fare trascorrere ancora più tempo possibile ai clienti all’interno dei negozi, però senza più tenerli intrappolati in un labirinto di corridoi.

Queste aziende stanno in sostanza rivoluzionando la propria coreografia di vendita per restare al passo e continuare a prosperare in questo “nuovo mondo”.

Nella tua farmacia, invece, cosa stai facendo in questo momento per non estinguerti? 

  • Stai continuando ad attendere i clienti al banco? 
  • O forse hai deciso di affidarti alla presenza dei medici che tante gioie ti ha portato in passato?
  • Oppure, per tagliare la testa al toro, hai deciso di installare l’automazione, lasciando inalterato lo spazio al pubblico?

In tutti questi casi vediamo all’orizzonte nubi nere come la pece.

Le persone sono cambiate, i tuoi clienti, coloro che sostengono il fatturato della tua azienda e che dovrebbero essere il primo pensiero ogni mattina, hanno nuovi bisogni. 

Se vorrai continuare a prosperare questa volta sarà necessario un intervento di trasformazione dell’area vendita, quella che loro frequentano, lo spazio dove fanno acquisti.

  • Restano fuori dall’ingresso in attesa? Crea un ambiente COVID-FREE che li rassicuri e li invogli ad entrare;
  • Comprano solo l’essenziale? Coinvolgili ed interagisci con loro creando nuove occasioni per visitare e viviere la Farmacia;
  • Hanno scoperto i servizi in farmacia? Organizzati per offrirglieli. Fallo in modo efficiente e professionale affinchè poi  non ti tradiscano come ad esempio è avvenuto in Spagna con Synlab, capace di strutturarsi velocemente e efficientemente.
Synlab for you, franchising della salute attivo in 36 paesi

Se invece vuoi conoscere un nuovo concept in grado di portarti nuovi clienti e polverizzare la concorrenza in questa “nuova normalità” che c’è là fuori, allora ti consiglio di prenotarti subito presso la Sala Cinema nella nostra Sede di Roma a partire dal 10.10.2021 e prendere visione di un esempio concreto di farmacia.

I posti sono limitati e per Covid è necessaria la prenotazione.

A presto!